I nuovi letti matrimoniali con testiere imbottite i modelli più belli

Sarà per le forme sinuose, i colori moderni, le testate più stravaganti: i nuovi letti matrimoniali con testiere imbottite hanno carattere da vendere e diventano subito i protagonisti della stanza relax. Le ultime tendenze ci impongono di scegliere il letto seguendo la nostra creatività giocando con i materiali e gli stili, ma non dimenticare alcune regole fondamentali.

Se la stanza ha un metraggio esiguo, per esempio, evitare i letti in legno che, per la mole e per il colore scuro, rischiano di soffocare l'ambiente. Nella scelta del rivestimento considera che a letto non si dorme solamente. Spesso può capitare di bere un caffè o sgranocchiare qualcosa davanti alla tv: un tessuto idrorepellente (come la microfìbra) terrà alla larga le macchie e durerà più a lungo nel tempo. Diamo un'occhiata ai migliori letti con testiere, sia con contenitore che senza.

La testiera del letto ha un doppio pannello: quello contro la parete è nella finitura rovere grigio, quello davanti è in color canapa. Battistella misura 173x214x89 cm. Compresa la rete a doghe, costa 1.050 euro.

Design semplice e raffinato per Toledo di Doimo Passport, con la testiera imbottita in vari colori, come il giroletto (disponibile la versione con contenitore), imbottita e con piccole impunture nella sezione centrale. I piedini metallici sono regolabili in altezza. 172x206x90 cm. Da 990 euro.




Minimalista ed essenziale, Vogue di Falegnami è in legno naturale laccato a poro aperto nel colore bianco leve o latte. È disponibile anche il versione rovere dark. Compresa la rete a doghe con regolatori di rigidità, misura 184x228,5x96,5 cm e costa 1500 euro.


Aspetto morbidoso per Track di Nube, con imbottitura in poliuretano espanso indeformabile. Costa 2.397 euro.

Per chi è alla ricerca di un letto economico con imbottitura può optare per Duken di Ikea, appena 184 euro per la versione da 160 x 200 cm senza rete. Si tratta di un letto non contenitore. Altri letti con testiera economici sono quelli di Mondoconvenienza. Partono da 100 euro, ad esempio il Tevere in ferro, oppure il City imbottito con contenitore a 290 euro.



La testata e il telaio di Ruchè sono rivestiti di tessuto con trapunta in ovatta e poliuretano, lavorato con una specie di capitonné dalla quadrettatura a cuciture interrotte. Di Ligne Roset a 2.693 euro.

Nel modello Oriente di Pianca ogni cuscino della testiera si può inclinare così da poter leggere in tutta comodità. Prezzo a partire da 1500 euro, possibilità di inserire nella parte posteriore del letto una libreria scorrevole.

Molto particolare il letto di Flou Angle con testiera imbottita e sfoderabile che circonda la parte alta come a volerlo avvolgere. Disponibile anche con base contenitore e con il movimento elettrico della rete a doghe.

Le migliori finestre presenti sul mercato italiano

Le finestre sono importantissime per la nostra casa, non solo funzionali per l'isolamento acustico e termico ma anche oggetti di arredo. Una bella finestra riesce anche a valorizzare una veduta o un panorama inusuale che si può godere dal proprio appartamento o villa. Di seguito una lista delle migliori finestre presenti sul mercato italiano e le relative marche.

La serie NC-S150STH Rodos di Metra è ottima perché è particolarmente indicata per la costruzione di finestre scorrevoli di grandi dimensioni (fino a 3 metri e con un peso dell'anta fino a 300 kg).

I serramenti della linea Tonini colors sono completamente personalizzabili: dalla vasta gamma di tinte, anche metallizzate, si può scegliere il colore, e applicarlo a tutti e quattro i lati del profilo.

Gli infissi Platinium di Oknoplast hanno il telaio da 70 mm con rinforzi in acciaio tubolari, fondamentali per la giusta rigidità e durevolezza delle finestre. Ampia gamma di colori effetto legno incredibilmente realistico.
Le finestre Finstral Top Classic-line hanno ante a 7 camere per prestazioni termoisolanti ottime e massicci rinforzi d'acciaio nei profili in pvc per una maggior stabilità.



Shuco è un'altra marca, questa volta tedesca, che produce porte scorrevoli per l'esterno, finestre e porte a battente.

Anche Nurith ha un nutrito catalogo di finestre in PVC rigido che presentano un alto grado di isolamento termico. L'azienda italiana presente dal 1986 produce sistemi basculanti e finestre scorrevoli anche di grandi dimensioni e personalizzabili. 

Valorizzare le finestre con le tende:

Una buona finestra assicura un isolamento termico e sicurezza, ma sono le tende a creare la giusta atmosfera. 1 Dona una sensazione di leggerezza all'ambiente Panel Track, il sistema a pannelli scorrevoli o motorizzati di Tao. Da parete o soffitto e da una a cinque vie. 2 Fanno parte della nuova collezione Hemisphere di Jab Anstoetz i pannelli in tessuto Point con grandi cerchi tagliati al laser che offrono lo spazio per affascinanti giochi di luce.

Ricordiamo anche che con la legge di stabilità di fine dicembre 2014 è stato prorogato per tutto il 2015 il bonus del 65% come detrazioni fiscali per chi acquista tende esterne, chiusure oscuranti, dispositivi di protezione solare in combinazione con infissi interni, e in generale le schermature.

Idee per Cassetti, Librerie e Nicchie che si nascondono

Chi ama il design minimalista vorrebbe che l'ambiente della propria casa sia pulito, che non ci sia nessun oggetto o pezzo d'arredamento che appesantisca la stanza. In questo senso molti designer si sbizzarriscono nel creare nicchie, armadi, cassetti e librerie che scompaiono, posti segreti dove riporre le nostre cose che però si richiudono e spariscono alla nostra vista. 

Qui sotto vi proponiamo delle idee per sfruttare al meglio gli spazi del sottoscala, per creare librerie, cassetti, nicchie ed altro che scompaiono, posti dove inserire i nostri oggetti o vestiti che vanno ad infilarsi nei posti più impensabili della casa.


Nella prima foto possiamo ammirare un armadio con ante a scorrevole a scomparsa che potrebbe ben adattarsi anche ad una cucina. Le ante prendono tutta la parete in altezza e sono rivestite in legno rovere. Di grande impatto visuale.



Nella seconda foto un gruppo di designer è riuscito a realizzare all' interno di una scala di una villa che porta al piano superiore una nicchia/botola ricavandola dal pianerottolo delle stesse scale. Si alza e all' interno si è creato un vasto spazio dove riporre le proprie cose.



Nella terza foto, per sfruttare lo spazio sotto le scale si è creato un armadio con tanti tipi di sportelli per quanti sono i gradini.



Sono ancora le scale le protagoniste della quarta foto. Questo spazio è stato sfruttato per un modello componibile fatto di cassetti, ma è lo spazio degli stessi gradini ad essere utili per realizzare dei cassetti, con tutto questa superficie a disposizione non c'è nemmeno più bisogno di realizzare un armadio.



Nella quinta foto per sfruttare al meglio gli spazi della cucina è stato creato un piccolo ripostiglio con ante scorrevoli in circa 70 cm di spazio di larghezza. Ideal per riporre tutte le cose della cucina.

I Migliori Camini da Installare con e senza Canna Fumaria

Non c'è niente di più bello di un camino per creare atmosfera e scaldarsi durante le serate d'inverno. Certo, non tutti possono permetterselo, la presenza della canna fumaria per quelli classici è d'obbligo, sul mercato però ci sono soluzioni alternative.

Si chiamano termocamini o biocamini e possono essere installati anche in assenza di uno sfogo d'aria, possono essere alimentati a legna, pellet, oppure elettrici o con combustibili a biomassa. Vediamo da vicino i modelli presenti sul mercato con i relativi prezzi proposti dalle varie marche.

Britishfires propone camini elettrici con effetto fuoco assicurato da lampade a led da 40 watt che si accendono in maniera alternata con vari colori. Il calore invece è realizzato grazie a resistenze da 1000 watt. Non c'è bisogno di canna fumaria, legna o altro combustibile. Si attacca alla corrente elettrica ed inizia a scaldare, può essere incassato in qualsiasi struttura preesistente ed è disponibile nelle forme classiche oppure più rustiche.

Thermorossi propone Insert Line 490 un camino incassabile con la cornice Inox [cm 86,5x2x69,2h €630] che riveste l’inserto a pellet canalizzabile da 3,3-9,5 kW [prezzo 2.550 euro], con scambiatore termico a elevato risparmio energetico. Telecomando per l'accensione e optional la possibilità di programmare accensione e spegnimento. 4 anni di garanzia, porta focolare e braciere in ghisa.

Il camino di Piazzetta scalda FINO A 375 METRI CUBI ha bisogno però dello scarico dei fumi posto nella parte superiore. Consumo massimo di 4,5 kg/h di legna per il focolare ad alto rendimento termico MA 252 SL [euro 2.200 ]. Può essere rivestito dalla cornice Cagliari in Biancone spazzolato con particolari gradinati [cm 121x12x120,5h prezzo 2900 euro]. 

Palazzetti ha in catalogo sia rivestimenti che focolari. IN QUARZITE wengé anticata, la cornice Covent
Garden [cm 163x10X87h euro 2.000] ha inserti in marmo bianco Limestone. Il focolare a legna Ecomonoblocco S25:9 [prezzo di 4.200 euro] ha una resa dell’85%.

BRUCIA 3,8 KG DI LEGNA all’ora il monoblocco ad alta efficienza Ironker 750 da 13 Kw di La Nordica Extra flame [euro 2.400], rivestito dalla cornice Asiago che abbina i marmi Biancone di Asiago e Verde India [cm 153,5x24X130,7h €3.185]. Riscalda fino a 373 metri cubi di ambiente, ha bisogno però dello scarico dei fumi.

L’ANTA SALISCENDI del focolare canalizzabile ad aria calda Forma 95 di Mcz [€2.590] facilita il caricamento della legna. Il rivestimento modulare Van Gogh è in ceramica con decorazioni geometriche a bassorilievo [cm 117,5x2,5x73h €1.270]

Vulcano ha in catalogo termocamini in grado di alimentare impianti termici e bollitori, produrre acqua calda, interfacciarsi in modo legale e automatico con altre caldaie. Il modello più piccolo, Vulcano 25, ha un'atonomia minima di 10 ore.

I camini possono usufruire delle detrazioni fiscali del 50% prorogate anche per tutto il 2015 (scendono però al 40%). In pratica il 50% della spesa si detrae in 10 rate uguali per 10 anni. Ad esempio se abbiamo sostenuto una speda per l'acquisto ed installazione di 5000 euro, il 50% ovvero 2500 euro può essere detratto dalle tasse, quindi 250 euro l'anno per 10 anni. Per maggiori info vedi il sito dell' Agenzia delle Entrate.

Altre agevolazioni sono previste anche con il Conto Termico con il Gestore dei Servizi energetici per quel che riguarda la produzione di calore.

Letti Tessili consigli e modelli

Sono apparsi in Italia alla fine degli anni 70 e da allora continuano ad avere successo. Stiamo parlando dei letti tessili sempre più venduti in tantissimi modelli e colorazioni con le tendenze del momento. La maggiorparte delle volte il materasso è appoggiato su doghe che nascondono un contenitore, altre volte la base è in metallo o legno. Possiedono una spalliera imbottita e sono sfoderabili per essere lavati senza alterarne il colore.

Nascono dall'intuizione che le caratteristiche del copriletto, e in particolare dell'accoppiata piumone/sacco - morbidezza e varietà di colori -, potevano estendersi a tutta la struttura del letto, che veniva così completamente rivestita di tessuto, offrendo numerosi vantaggi tra cui la molteplicità di varianti disponibili e praticità di manutenzione.

Sul mercato ci sono modelli acquistabili a 300 euro, quelli ad esempio proposti da Mondo Convenienza e Mercatone fino ad arrivare ai 1500-2000 euro di Flou (vedi foto)

Per rendere i rivestimenti dei letti resistenti e indeformabili, anche dopo i numerosi lavaggi cui saranno sottoposti negli anni, si utilizzano tessuti sottoposti a un particolare trattamento che li rende irrestringibili.
Si tratta di una lavorazione basata su un'azione combinata meccanica e termica, attuata con un apposito macchinario che forza il tessuto a rientrare nel senso della lunghezza (ordito o catena) avvicinando i fili.

Il cotone è il materiale più utilizzato, In particolare quello egiziano, molto pregiato, in versione pettinata.
È un tessuto di mano asciutta e liscia, ottenuto da filati con poca peluria, trattati in modo che le fibre, dopo essere state cardate, vengono ordinate. Si eliminano così quelle più corte e si orientano tutte in una direzione. Un tipo di cotone molto utilizzato è il canvas, perché pesante e resistente.

I rivestimenti tessili colorati sono spesso realizzati con un procedimento chiamato Indantrene che fissa indelebilmente la tinta conferendo un'altissima resistenza ai lavaggi e alla luce e allo stesso tempo, una texture morbida e setosa. 

Un'altra tecnica di tintura è quella effettuata in filo, cioè direttamente sul filato, dopo l'intreccio a telato su trama e ordito. Per il procedimento di stampa dei tessuti esistono anche marchi di garanzia, come Color System, che assicura tinte brillanti e di lunga durata. I coloranti usati sono tutti rigorosamente ecologici

Per migliorarne le prestazioni si sottopongono i rivestimenti dei letti in tessuto a particolari trattamenti. Con il teflon la fibra tessile acquisisce una protezione dalle macchie di origine liquida. È un procedimento che resiste al lavaggio a freddo.

Idee per Dipingere le Stanze della Casa

Per trovare il giusto colore da utilizzare per le pareti della propria casa gli esperti consigliano sempre di partire dalla tinta preferita e poi giocare sulle sfumature. Oggi vorremmo proporvi una serie di idee per scegliere il giusto accostamento cromatico per dipingere le vostre stanze.

C'è chi possiede una particolare sensibilità cromatica e riesce a ottenere mix equilibrati anche dalla mescolanza di tante tinte vivaci, ma in generale è meglio limitarsi a due.

Idee per dipingere le stanze:


  • Si può individuare una tonalità neutra di base e aggiungere un colore di complemento usato a piccole dosi e abbinato a tessuti o materiali con texture simile.
  • Eccedere con i richiami di colore rischia di togliere spontaneità all'ambiente. Infatti, al contrario di quanto si crede, inserire un elemento dissonante più che sbilanciare l'effetto d'insieme aiuta a creare un ambiente vissuto.
  • Se invece si opta per due colori completamente in contrasto, scegliere una variante mélange serve come elemento di raccordo.
  • Una stanza può avere anche pareti colorate in maniera diversa, specialmente quelle dei bambini, ad esempio verde, blu, azzurro, arancione.
  • Più i colori sono freddi, tendenti al bianco e più la stanza apparirà grande. I colori scuri o accesi non vanno bene per stanze piccole e dal tetto basso.
  • Per avere qualche idea in più andate su Instagram il social network delle foto, qui troverete un sacco di spunti, provate a scrivere "home painted wall ideas".

Per decidere che tinta usare possiamo partire anche dalla ricerca di una giusta atmosfera che vogliamo dare alla stanza. Classica, essenziale, moderna, country, shabby chic

Alcuni colori infatti sono tradizionalmente legati a ciascuno di questi stili. Giallo ocra e bordeaux nel primo caso; grigio, bianco e nero per chi ama il minimal, beige e tonalità crema da associare a contesti moderni.
E' utile controllare le cromie disponibili per le vernici, quelle di Max Meyer sono tantissime.

Da non sottovalutare l'idea di cercare una certa sintonia tra lo stile dell'abitazione e l'ambiente esterno.
• In città puntare sui colori neutri, come beige, corda, tortora, con accenti di rosso, arancione e grigio scuro, cromie che si accordano facilmente ai diversi stili architettonici.
• Blu, giallo, azzurro, glicine sono ideali per le località di mare: freschi e delicati, contrastano bene con il bianco dominante degli interni.
• Per la montagna, verde scuro e rosso bordeaux esaltano le essenze in legno di pavimenti e boiserie.
• Il giallo e i colori della terra creano la continuità ideale fra intemo ed esterno nelle case di compagna.




Un intervento cromatico sortisce anche l'effetto di modificare la percezione degli spazi. Passare dal bianco totale a una tinta accesa può essere difficile: la soluzione migliore, e più che mai di tendenza, è quella di limitare l'intervento a una sola parete. È una scelta poco vincolante, sperimentabile anche da soli, e comunque di costo contenuto: se nel tempo si cambia idea è estremamente facile tornare indietro o puntare su una tonalità nuova. 

Fatto questo primo passo, per armonizzare la stanza basta coordinare qualche oggetto o complemento d'arredo. Un esempio classico sono i cuscini del divano: nell'abbinarli si può azzardare anche un insieme multicolor, forma e dimensioni devono però essere uguali altrimenti si rischia un risultato finale piuttosto confuso.

Lo stesso criterio di accostamento è alla base del trend che in questo momento riguarda le sedie, soprattutto quelle di design e di linea contemporanea: ognuna può essere caratterizzata da un colore e persino da una forma diversa, ma punto fermo deve rimanere il tavolo, rigorosamente con piano bianco o con una finitura neutra.

Altrettanto vincente è la scelta monocromatica applicata a più sagome. Prendendo come riferimento una zona pranzo di stile più tradizionale, accanto al tavolo in legno scuro stanno bene sedie con finitura chiara, per esempio bianco decapato: non importa se una seduta è in paglia, un'altra è imbottita o di legno massello, basta che abbiano tutte la medesima tonalità.

Porte scorrevoli Prezzi e Modelli esterno ed Interno Muro

Le porte scorrevoli rappresentano una soluzione di arredo casa che, oltre a far risparmiare spazio, offre la possibilità di personalizzare il proprio ambiente con infinità creatività. Le porte a scomparsa si infilano all'interno di pareti e creano un bellissimo effetto, oppure ci sono quelle esterno muro, più economiche che si appoggiano su binari e mantovane.

Rispetto alle classiche porte a battenti non richiedono di avere lo spazio di apertura davanti a loro anche se costano qualcosina in più. Vediamo nel dettaglio caratteristiche e prezzi dei modelli presenti sul mercato.



Porte scorrevoli filo muro esterne:

come potete notare dalla prima foto l' anta di questa porta scorre esternamente, è visibile e si appoggia su un binario installato in alto. Il binario può essere a vista oppure nascosto da mantovane in legno o alluminio. Si tratta di una soluzione più veloce e anche economica rispetto alle porte scorrevoli a scomparsa che si infilano nel muro, che hanno bisogno di un telaio e di uno scasso all'interno del muro stesso.

I materiali con cui possono venire realizzate sono tantissimi. In primis il vetro, pantografato, opaco, liscio ed in tantissimi colori. Oppure il legno massello o uno più economico laccato in tantissime soluzioni e finiture. Ad esempio ciliegio, wengè, tanganika, rovere ecc.



Porte scorrevoli a scomparsa:

la soluzione è ideale per nascondere completamente l'anta al momento dell' apertura. La stessa si nasconderà all'interno del muro, spesso realizzato in cartongesso, che contiene un controtelaio in alluminio. Anche in questo caso le porte a scomparsa vengono realizzate in tanti materiali e colori, a singola o a doppia anta, a scorrimento orizzontale oppure di forma ellittica con porte curvate di grande effetto.

I prezzi delle porte a scomparsa

si va dai 300 euro circa di quelle a singola anta a scomparsa vendute dai grandi magazzini come Leroy Merlin e Brico fino a qualche migliaia di euro. Una buona media, di brand affermati è di circa 700-800 compreso binario e mantovana per una singola anta da 60-70 cm.

Le marche

quasi tutte sono porte del made in Italy. Le aziende italiane che producono modelli scorrevoli, oppure porte interne con battente, sono tantissime. Si va da Bertolotto a Henry Glass (in vetro), fino ad arrivare ad Eclisse e Scrigno.

Il risparmio

anche le porte scorrevoli possono godere di incentivi governativi che fanno risparmiare sul costo finale. Nell' ambito di una ristrutturazione edilizia può essere detratto il costo per l'acquisto di una porta. Si tratta della detrazione fiscale del 50% appena prorogata per tutti il 2015. Se ad esempio spendiamo 5000 euro per le porte possiamo portare il 50% ovvero 2500 euro in detrazione per 10 anni. 250 Euro l'anno.